HARLEY-DAVIDSON SCALDA L’AMBIENTE CON IL POWER CRUISER FXDR 114

//HARLEY-DAVIDSON SCALDA L’AMBIENTE CON IL POWER CRUISER FXDR 114

HARLEY-DAVIDSON SCALDA L’AMBIENTE CON IL POWER CRUISER FXDR 114

La FXDR 114, la cruiser che punta sull’aggressività stilistica e ispirata dalle gare di accelerazione drag-race, è stata presentata a San Diego lo scorso agosto.  Si tratta del decimo modello della nuova serie basata sulla piattaforma Softail introdotta nel 2018 e la più recente in delle 100 nuove moto che la Motor Company ha in programma di lanciare entro il 2027.
Il nuovo forcellone di alluminio permette una riduzione del peso di 4,6 kg (6,25 contro 10,88) rispetto a un forcellone Softail in acciaio per una gomma posteriore da 240 su cerchio da 18 pollici.

La ruota anteriore Ace è invece da 19 pollici ed è in alluminio forgiato: ha un disegno leggero con razze sottili. La sella e la sezione di coda del nuovo FXDR 114 sono sostenute da un contro-telaio in tubi di alluminio saldati, mentre la sezione di coda è in materiale composito. Questa struttura sostituisce il sotto-telaio in acciaio, il parafango in acciaio e i supporti del parafango in alluminio usati sugli altri modelli Softail, per un risparmio di peso di 3,2 kg. Anche i parafanghi sono realizzati in materiale composito.

La nuova FXDR 114 monta il motore più potente offerto sul telaio Softail, una versione del V-Twin Milwaukee-Eight da 114 pollici cubi capace di erogare la coppia massima di 16,4 kgm a soli 3.500 giri. Le sospensioni di qualità sono votate alla guida sulle strade ricche di curve e la moto offre un angolo di piega maggiore rispetto agli altri modelli della serie Softail.

 

Per Brad Richards, vice president Stile e Design H-D la nuova FXDR 114 “esprime tutto il suo potenziale prestazionale e sottolinea le caratteristiche tecniche che lo distinguono dal resto della gamma Softail. L’influenza delle moto drag è forte con il frontale massiccio e a steli rovesciati, la presa d’aria e lo scarico di grandi dimensioni, il contrasto in termini di proporzioni fra le ruote e la sezione di coda tronca. Ma abbiamo fatto in modo di evidenziare anche elementi squisitamente tecnici come il forcellone in alluminio, la strumentazione digitale completamente integrata e pienamente sotto controllo da parte del pilota, o il sistema di regolazione delle sospensioni: tutti elementi che concorrono a definire lo spirito di questa moto che è quello di regalare prestazioni massime e non solo“.

 

By |2018-09-21T12:27:46+00:00settembre 17th, 2018|News|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment